INAUGURATA IN SICILIA LA “VIA DELL’ONESTA'”

marzia:

Leggo da lei una notizia che fa bene in questi tempi di magra e la evidenzio..

Originally posted on :

chiara farigu

DI CHIARA FARIGU

La promessa fatta dai pentastellati circa un mese fa è stata mantenuta.

Oggi abbiamo inaugurato una strada in Sicilia per aggirare il ponte autostradale, sulla A19, crollato qualche mese fa. L’abbiamo chiamata ‘Via dell’Onestà’. L’abbiamo costruita tagliando lo stipendio a 14 consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, mettendo insieme 300.000 euro”, dichiara, visibilmente soddisfatto, Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera. Si tratta della bretella che passa da Caltavuturo, piccolo Paese in provincia di Palermo, che serve a bypassare l’interruzione dell’Autostrada 19, la via principale che collegava le due principali città dell’isola, divisa in due dopo il crollo del viadotto Himera. Dopo il crollo, sull’autostrada per raggiungere Catania da Palermo bisognava in pratica arrampicarsi sulle Madonie, una deviazione che allunga di quasi un’ora i tempi di percorrenza per coprire i 200 chilometri che separano le due città siciliane. Via dell’Onestà, invece, consente di accorciare quei tempi…

View original 315 altre parole


Senza parole…

Una cosa buona per l’EXPO l’han fatta…


Su RAI 5 per innamorarsi dell’Italia

Ho già accennato in precedenza a questa bella trasmissione che, per vari motivi, son costretta a vedere in differita..
Il programma in onda su Rai 5 ( Dio ti ringrazio per la sua esistenza!!) vede abbinati uno storico dell’arte e conduttore della Bbc e uno chef, ossia Giorgio Locatelli. Italiano e stellato, da molti anni lui vive e lavora a Londra.

Andrew Graham-Dixon e Locatelli hanno una passione in comune: l’Italia con annessi e connessi, ovvero la sua cultura, le sue tradizioni. Quello che compiono è un viaggio artistico e culinario di due autentici ‘innamorati’ di un paese straordinario.
E se non vi piace l’arte, vedetela qua con calma almeno per la cucina, oh yes!

Immagine


La bellezza in un click

I paesi qui del Cilento vantano storie e paesaggi che sanno ancora stupire l’uomo del III Millennio.

Borghi che si svuotano, ma sanno raccontare in mille modi diversi. Ancora tutto da valorizzare, questo territorio arretrato per molti aspetti, è una manna per il turista che, munito di pazienza, non voglia accontentarsi di pacchetti preconfezionati, ma si voti alla scoperta..
San’Angelo a Fasanella è un paese nei monti Alburni. In questi giorni si anima come tanto del nostro Sud: tornano gli emigranti..
Quest’anno han deciso di proporre una gara fotografica.alburni-concorso-fotografico

Ho intervistato la responsabile dell’evento…Rimando qui chi volesse capirne di più…


Islam? Non solo ISIS

96d0154d7a3aa03d9aa0f18818a287b09beab6a4

Prima di partire desidero evidenziare una mostra alle Scuderie del Quirinale che mi sembra importante.

L’evento nasce per la passione di due arabi, i cui nomi non ci dicono nulla, ma che pare abbiano un peso internazionale: Sheikh Nasser Sabah al-Ahmad al-Sabah e Sheikha Hussah Sabah al-Salim al-Sabah.

Fino alla fine di settembre si possono ammirare trecentosessanta dei 35.000 oggetti che han raccolto.
La storia di questi reperti si può leggere qua. Con questi oggetti la «Casa delle Espressioni Culturali dell’Islam» è approdata a Roma, con un messaggio di bellezza, armonia e dialogo fra culture diverse.

Curatore della mostra è Giovanni Curatola.

“Si è cercato di mostrare un panorama quanto più possibile rappresentativo dell’espressione artistica islamica, trovando un equilibrio fra aree geografiche diverse (dalla Spagna alla Cina), fra periodi storici differenti (dall’VIII al XIX secolo) e fra materiali molto disparati, dalle ceramiche ai vetri e ai tappeti, dalle miniature ai legni e ai metalli”.


Il Veneto delle Ville

palladio-villabarbaro

Le Ville Palladiane son un patrimonio italiano e non solo, son anche protette da anni dall’UNESCO. Esse, edificate intorno alla metà del Cinquecento dall’architetto Andrea Palladio per le famiglie più importanti del luogo, risultano concentrate soprattutto nella provincia di Vicenza.

Un ruolo, il loro, non finalizzato unicamente allo svago dei proprietari: erano, prima di ogni cosa, complessi produttivi. Circondate da vaste estensioni di campi coltivati e vigneti, le ville comprendevano magazzini, stalle e depositi per il lavoro agricolo. Di norma presentano ali laterali, le barchesse, destinate a contenere gli ambienti di lavoro, dividendo razionalmente lo spazio del corpo centrale, destinato ai proprietari, da quello dei lavoratori, in modo da non sovrapporre le diverse attività. Il corpo centrale è a sua volta suddiviso in senso verticale, dove ogni piano assolve a funzioni diverse.
Per questo desidero evidenziare qui un lavoro che riguarda le Ville.

Parlo di Villa Foscari, “La malcontenta” a Gambarare di Mira, il Tempietto, Villa Barbaro a Maser, Villa Marcello/Curti a Bertesina, ossia le prime realizzazioni di Andrea di Pietro della Gondola. Nato a Padova nel 1508, egli fu una delle menti più fertili e influenti nella storia dell’architettura occidentale


Il mio prossimo libro

Elisabetta, detta Lizzy, una amica “corsara” ( ossia aderente al Book crossing ) mi ha segnalato il libro cui fa cenno il trailer.

Edito da questa casa editrice, il romanzo mi sembra appetibile e di certo lo comprerò; riguarda Giulia Farnese, una donna tra due Papi, come recita il titolo. Soprannominata “la Bella” dai contemporanei tra la fine del ’400 e i primi due decenni del ’500, Giulia fu anche amante concubina di papa Alessandro VI Borgia.

L’autrice del romanzo per il quale rimando a questo link è Silvia Lo Russo Del Linz che, come leggo nel suo sito è amante della parola e della scrittura, ha lavorato  come giornalista per  diversi quotidiani tra cui “La Nazione” e  “La Repubblica”, occupandosi anche di critica cinematografica. Successivamente è entrata nel mondo del teatro come regista e drammaturga allestendo i propri lavori  su palcoscenici nazionali. Da diversi anni è attiva nel panorama culturale progettando e realizzando incontri letterari e poetici, con particolare attenzione al mondo femminile. Molti di questi sono pubblicati nei Quaderni Letterari editi dalla Biblioteca Civica di Pordenone.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 410 follower