I Longobardi tra noi

Solo una oligarchia culturale salernitana è conscia del debito che la “Hippocratica Civitas” di ieri e di oggi  ha contratto verso il longobardo Arechi e, di più, verso Adelberga,la dotta figlia di re Desiderio che alla morte del marito Arechi continuò la sua politica, supportando il fratello Adelchi durante il suo esilio. Lei, sorella della […]

Read More I Longobardi tra noi

Sulle dracme di Elea

Può una moneta antica permettere di accertare dati su un insediamento umano? La domanda è in odor di retorica. Parlo di dracme e di Velia, punto uno. Parlo di un fonema scomparso ( digamma) e del suo rinvenimento su una dracma eleatica ( come si chiamò più tardi Velia) in uso nella città baciata dal […]

Read More Sulle dracme di Elea

Il “Kairos” dei greci

Nella chiesetta sulla Acropoli di Velia, e in dettaglio, nel piccolo lapidario sono state ritrovate stele di arenaria dedicate ( in greco e latino) a varie divinità. Su una di esse vale la pena puntare l’attenzione. Si tratta della stele votata a “Kairòs“, caro particolarmente ai Sofisti. Il Dio è legato alla retorica di Aristotele […]

Read More Il “Kairos” dei greci

Madre Natura

“Perché l’uom morrà, cui fresca /nel giardin la salvia cresca?/Perché farmaco più forte/ dello stral non v’è di morte./Della salvia i nervi allena/ l’uso,il tremito raffrena/ delle mani, ed anche aiuta/ a scacciar la febbre acuta./ Chi castor, nasturzio e vera/ atanasia, e primavera,/e lavanda e salvia unisce,/la paralisi guarisce.Salvia, inver sei salvatrice/ di natura […]

Read More Madre Natura

Il “Flos medicinae Scholae Salerni”

Ostile, ostilità, osteggiare appartengono pervicacemente al Dna umano come i caratteri genetici dominanti. Sufficientemente radicati nella prassi dei rapporti interpersonali, sebbene sostituiti ormai da sinonimi anglofoni, i figli del latino “hostis” non passano mai di moda, e, sotto mentite spoglie, si declinano con “vis” creativa persino nel linguaggio della pubblicità, rinvigorendo un “brand”,per esempio. Espressione […]

Read More Il “Flos medicinae Scholae Salerni”

La “mia” Hippocratica civitas

“Il 19 maggio, giorno dell’Ascensione, Orestes, avendo trovato la comodità di una barca che partiva per Salerno, si imbarcò, dopo aver pattuito il prezzo della traversata per sei carlini. Passò le bocche di Capri….[..]. Il capo di Massa per gli ulivi, i limoni, gli aranci e le altre belle piante, che ornano tutto il resto […]

Read More La “mia” Hippocratica civitas

Uto Ughi racconta la musica

La magnifica  cornice del Teatro “La Fenice”, la Chiesa di Santa Sabina a Roma e perfino  un monastero buddhista, ecco i luoghi scelti da Uto Ughi per un ciclo di trasmissioni musicali nel quale racconta la musica. Ogni puntata, questa è la prima , andata in onda lo scorso anno offre uno spaccato culturale che […]

Read More Uto Ughi racconta la musica

A scuola di Bellezza

In compagnia di un camino scoppiettante e di un buon libro ( sono approdata a questo): cosa si può volere di più? Per dare ardore alle fiamme in casa si utilizza, da tempo, una vecchia canna di fucile. Un aggeggio inconsueto che dalla caccia è passato ad usi più “domestici”. Ultimamente sto riscoprendo il valore […]

Read More A scuola di Bellezza