Per un buon 2011…

Mio marito ha appena completato il montaggio nuovo di immagini cui tenevo parecchio e che rappresentano il territorio degnamente.

Si tratta delle cime degli Alburni, del massiccio del Monte Cervati, delle montagne alle spalle di Teggiano, nel Vallo di Diano (Sa), del valico di Corticato e degli scenari che attraversiamo per raggiungere il paese del Cilento dove mi rifugio più spesso che posso.

Con queste immagini formulo a tutti i miei più affettuosi auguri per un 2011 sereno: che sia un’ottima annata !

p.s. il video va prima caricato.

Il Pittore ed il Poeta alla corte dei Medici

Segnalo rapidamente un’altra mostra con scadenza fine gennaio 2011.

E’ dedicata a lui, ritrattista ufficiale della più potente famiglia fiorentina del 1500, pittore iperrealista capace di rendere persino le pieghe dei tessuti e di offrircene una sensazione tattile.

A lui in questo servizio “Art News” ha scomodato Antonio Paolucci, ora direttore dei Musei Vaticani, già Ministro per i Beni Culturali e Soprintendente per il Polo Museale a Firenze.

La segnalo perchè nell’esposizione a Palazzo Strozzi si ritrova l’80% della produzione artistica del pittore manierista.

Evento unico, quindi, il primo dedicato all’opera di uno fra i più quotati e celebrati artisti del Cinquecento.

Figlio di un macellaio, noto come “Bronzino”  forse  a causa del colore dei capelli, Agnolo di Cosimo era noto in qualità di raffinato pittore di corte negli anni del governo di Cosimo I de’ Medici.

Attraverso le sue opere si compie un viaggio a ritroso in quella storia movimentata, sui volti dei suoi protagonisti e dei comprimari, dei figli illegittimi e delle cortigiane di palazzo.

Questa mostra ha ottenuto prestiti dai più importanti musei del mondo e offre al visitatore la possibilità di ammirare una settantina di opere pittoriche dell’artista (l`80 % della sua produzione), più altre di Pontormo, Cellini, Tribolo, Bandinelli, Pierino da Vinci, Alessandro Allori.

“Il Teatro del sogno da Chagall a Fellini”

Giusto il tempo per un aggiornamento.

In questo servizio di “Art News”  Claudio Strinati illustra una mostra allestita fino al 9 gennaio a Perugia, un evento da non perdere per chi ama Fellini e Chagall.

Il sogno è il tema, il soggetto o il pretesto che ha invaso l’immaginario estetico degli artisti scelti da Luca Beatrice per costruire il percorso espositivo di una mostra che intreccia il Simbolismo di inizio Novecento con l’arte contemporanea, i diversi surrealismi con alcune delle più suggestive espressioni del cinema.

Once upon a time

Foreste, cavalli al galoppo, elfi a volontà, poi nobili e fanciulle che colgon rose, notti fatate e fate, castelli e boschi fitti fitti, cavalieri e paesaggi incantati, va bene, ma io non ho mai avuto passione per il genere fantasy  …che mi succede?

Stavolta ho fatta una eccezione ( sarà “colpa” della Festa?).
C’era una volta questa leggenda, poi arrivò Giulia e la trasformò.
Natale si presta a narrar favelle e ad ascoltarle.

Semplicemente

Quando Josè Pascal (figlio del fù Mattia Pascal e Ederì Buendìa discendente del grande colonnello Aureliano Buendía) mi ha invitata avevo risposto certo, avevo dato segni di vita perchè detesto chi lascia nel silenzio l’altro che ti interpella.

L’ avevo risposto, ma non eccessivamente convinta ( la maggior parte degli inviti ricevuti dai multiblog sono stati declinati con le scuse più varie e “avariate” ).

Ho accettato, scrivendo questo per il blog perchè sto leggendo Arbasino, autore che mancava al mio appello come tanti ancora.

Inoltre Josè mi è piaciuto per quel richiamo a pagine di letteratura che ho troppo amato per poterle dimenticare..

In attesa di tempi migliori

Riparto per Baronissi: sabato ho la messa di trigesimo per mia mamma.
Per la connessione mi devo di nuovo accontentare della Mediateca locale pur munita. Ma digitare a casa propria è tutta un’ altra storia.

Non so quando avrò di nuovo accesso al web, ma desidero lasciare a chi passa, ai viandanti, ai semplici conoscenti un segno della mia presenza in prossimità della Festa più tenera ( torrone a parte) dell’anno.