“La Joie de vivre”? Ad Antibes!

Una mia instancabile amica milanese ha visitato nei giorni scorsi Antibes; grazie  a lei scopro la città e il    Museo, scrigno fascinoso dei poderosi lasciti dell’artista.

E’ Palazzo Grimaldi ad ospitare il museo che vanta una ricchissima collezione di opere del genio spagnolo nato a Màlaga nel 1881.

A dodici anni sapevo disegnare come Raffaello, però ci ho messo tutta una vita per imparare a dipingere come un bambino, così amava descriversi.
Nella  escursione culturale è possibile scoprire anche le opere di Nicolas de Staël, Hans Hartung e Anna-Eva Bergman.

Mi interessava capire il nesso con Picasso ed ho scoperto che due di questi artisti su tre son morti ad Antibes.
Alle loro opere si aggiunge una ricca collezione di arte moderna costituita da doni eccezionali rilasciati da artisti che hanno esposto nel museo e da acquisizioni che rappresentano le grandi correnti artistiche del XX secolo e dei primi anni del XXI secolo.

La terrazza del castello accoglie in modo permanente una notevole presentazione di sculture .

Annunci

2 pensieri su ““La Joie de vivre”? Ad Antibes!

  1. Quello che mi attira negli artisti non è la dovizia né la tecnica, ma la calda umanità che o c’è o non c’è. Talora non si capisce come persone miserevoli e dalla vita oscura abbiano potuto trovare dentro di sè tanta zona di innocenza che ha suscitato in loro certi quadri o musiche o quello che è: l’ispirazione è misteriosa e imperfetta come gli umani che tocca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...