Stravinsky-Diaghilev 1 a 1, palla al centro

È il 1909 e a San Pietroburgo viene eseguita la “fantasia orchestrale” Feu d’Artifice del giovane compositore Igor Stravinsky.

Opera riuscitissima, attira l’attenzione di uno spettatore, Sergei Diaghilev, che a Parigi sta creando i Ballett Russes.

Così nel sito di “Destini Incrociati” di Radio 24 viene presentata la puntata dedicata alla storia articolata di Stravinsky e Diaghilevimpresario teatrale russo,organizzatore nonchè direttore artistico di balletti russi.

Diaghilev, che diverrà noto come il più grande impresario di tutti i tempi, ha fondato la sua compagnia per realizzare spettacoli dove la danza sia la vera protagonista, mentre fino ad allora aveva un ruolo subordinato all’interno dell’Opera (oppure, altrove, era il pretesto per vedere ballerine in deshabillé). L’impresario concepisce dopo poco un progetto innovativo, un balletto con una sua storia, e inizia a selezionare i compositori cui affidare le melodie. Alla fine sceglie proprio Stravinsky, che ha apprezzato quella sera in Russia. Il 25 giugno 1910 con la première de L’Uccello di Fuoco il giovane guadagna definitivamente la celebrità e inizia la sua parabola di ascesa nella storia musicale.

Invito gli amanti del teatro e della creatività a questo ascolto.

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. cristina bove ha detto:

    l’oiseau de feu!
    lo adoro.

  2. domenica luise ha detto:

    Una meraviglia. Che interpretazione nitida.Amo intensamente la danza classica e le sue musiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...