Il “mio” territorio

Per la festa imminente voglio fare la brava ragazza.

In alto si visualizza un breve lavoro andato in onda su “LiraTV” nel mio programma culturale.

Si tratta di un servizio relativo alla chiesa di San Biagio ad Ottati, borgo collocato nella catena degli Alburni (SA). La scoprii grazie alla buona volontà di una vecchina che corse ad aprirmela.

Tramite il sito FAI ho raggiunto questo portale dei Comuni italiani ( in dettaglio della Campania).

Sto cercando di “fare giustizia”, evidenziando i paesi del Cilento che visito, borghi che non mancano di piccoli gioielli, ma dei quali nessun giornalista televisivo si interessa.  

( Al massimo, vengon alla luce se ci son fattacci, ndr).

Rimando qui i volenterosi lettori che, con pazienza, seguono le tracce che vado lasciando a testimonianza di piccole e ignote realtà italiane meridionali.

C come Creatività e..come Contest

Credo sia venuto il momento di dedicar spazio ad una iniziativa che mi garba assai e per vari ( ma non avariati!) motivi.

Si tratta di questa. Per comodità e non per prigrizia copio dal sito.
” E’ un progetto ideato e prodotto da Ex-voto in collaborazione con Connecting Cultures e Critical City Upload e grazie alla collaborazione di tante altre realtà”.

E, leggendo,apprendo dell’ esistenza di tanta creatività e mi convinco che la crisi fomenta la voglia di creare, se non ce ne lasciamo abbattere, però.

Una parola desidero spenderla per Critical City Upload : scopro che si tratta di un gioco di trasformazione urbana. Altro che virtuale!  Le iscrizioni son aperte fino al 30 marzo.

“Attraverso una piattaforma web, Upload spinge i suoi partecipanti ad uscire di casa e svolgere missioni creative sul territorio urbano. A un anno dal suo lancio Upload ha più di 7000 giocatori in tutt’Italia che complessivamente hanno svolto 11.000 missioni nelle nostre città”.

Il progetto Rooms’ Contest  vanta spalle forti, ovvero il patrocinio del Comune di Milano ed il sostegno della Fondazione Cariplo. Partecipare non è complicato e si può vincer premi.

Ex-voto è una associazione di freelance attivo a Milano nell’ideazione e realizzazione di progetti incentrati su pratica e tema di socializzazione attiva, creazione di reti e sharing culture.
Ex-voto utilizza modalità ludiche tipiche dell’intrattenimento per veicolare contenuti culturali, sociali e socializzanti. L’associazione è un mash-up di creativi, project manager, pr e ufficio stampa: Elena Bari, Nicola Ciancio, Giovanna Crisafulli, Simona Da Pozzo, Chiara Gallazzi.

E’ Primavera..grazie FAI !

Belle e suggestive le informazioni ricevute oggi dalla mia amica milanese Shola, conosciuta grazie ad una piattaforma di blog ormai scomparsa ( Splinder, ndr).
Mai sentito parlare di Villa Necchi a Milano, prima di questa mail ricevuta e della quale ringrazio Shola anche in pubblico.

Il sito che qui si può ammirare nel suo splendore, può essere visitato durante le Giornate di Primavera del Fai.

Scopro che la villa è stata realizzata da Piero Portaluppi tra il 1932 e il 1935 per il nucleo familiare composto da Angelo Campiglio, sua moglie Gigina Necchi e sua cognata Nedda.

Il mondo dei Necchi Campiglio è quello dell’alta borghesia industriale lombarda, classe agiata, ma anche tenace lavoratrice e al passo coi tempi. A Portaluppi subentrerà Tomaso Buzzi, che, nel secondo dopoguerra, conferirà alle sale un aspetto più classico e tradizionale. La Villa ospita inoltre la Collezione Alighiero ed Emilietta de’ Micheli e, al piano terra, la Collezione Claudia Gian Ferrari di opere italiane del XX secolo.
La Villa è inserita nel circuito delle Case Museo a Milano.

Chi FAI da sè FAI per 3

Il prossimo weekend, 24-25 marzo, è il turno delle Giornate Fai di Primavera 2012.

Sarà una occasione preziosa da non perdere. Sarà possibile visitare ben 670 luoghi, molti aperti solo per questa occasione. Qui trovate l’elenco per regione.

A chi realizzerà nel weekend, pubblicandolo nei giorni successivi, un Fotoreportage su uno di questi incontri, acquisirà un bonus di 100 punti karma

Informazioni in generali sui fotoreportage, le trovate qui..

Sequenze tra leggende,eremiti e montagne


La cappella di Sant’Elena si presentava bianca di un nitore mistico. Le violette la corteggiavano nell’aiuola ai piedi della collinetta; è iniziata la fioritura del biancospino. Poesia silente.

Le spoglie dell’antica eremita son conservate nella monumentale chiesa della Collegiata a Laurino.

Alla cappella si accede facilmente ( basta avere piedi buoni o un fuoristrada: io ho adottato la seconda soluzione) , attraversando un ponte a dorso di asino; in basso ho visto il Gorgonero, e a destra in alto il palazzo di Laurino. Poche ore dopo eravamo con la telecamera a caracollare verso la grotta dell’eremita. Da là si può avere una visuale diversa del Gelbison, o Monte della Madonna  di Novi. Orientale, “Colei che indica il cammino” in greco la Odegitria.

I sopralluoghi nel territorio di Laurino si alternano a riprese per approntare le nuove dieci puntate del mio format “Itineraria” su LiraTv .
Ecco come, prima del restauro, si presentava la cappella edificata dove viveva l’eremita morta in odore di santità.

Rai + Storia

Quando nasce la relazione tra Pc e mondo culturale in Italia? E perchè? Quali i punti di debolezza di questo rapporto?

Per rispondere a questa domanda lascio questo apporto scovato su Rai Storia.

L’intervento lineare e semplice, esaustivo e chiaro, è stato creato da Simona Colarizi, docente di storia contemporanea presso l’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

In questo altro apporto viene illustrata una trasmissione che io rammento ImpareRai. Ad occuparsene è Barbara Scaramucci, Direttrice di Rai Teche.

Il programma “Non è mai troppo tardi” era magistralmente condotto dal “mitico” maestro Alberto Manzi, trasmesso per la prima volta il 15 novembre 1960, programma dedicato alla alfabetizzazione degli adulti.