Sotto il patrocinio del MIBACT

Oggi desidero segnalare un Concorso che nasce sotto il patrocinio del MIBACT, altrimenti detto Minsiero per le attività culturali ed il Turismo.

Si tratta di un torneo letterario la cui scorsa edizione si è conclusa con la selezione delle 10 opere per la pubblicazione in formato ebook, di quella per l’edizione cartacea e l’assegnazione del premio Vanity Fair.

scrivere1ok
È stata dimostrata la validità di una formula di scouting innovativa, democratica e al tempo stesso attenta alla qualità delle storie, un’alternativa al self-publishing. Il claim del torneo letterario IoScrittore non vuole infatti essere: “Se l’hai scritto, va stampato”, quanto piuttosto: “Se l’hai scritto, va valutato”. È la logica di un torneo completamente gratuito che garantisce la piena libertà degli autori.

Annunci

Tesori in mostra

Ogni mostra degna di tale nome ha una sua validità e un suo appeal.

Questa della quale ho scritto qua ha una marcia in più.

download
Dietro le quinte, si fa per dire, della Mostra un’associazione, la “Civita”, nata nel 1987 a Civita di Bagnoregio con un avventuroso incontro tra Gianfranco Imperatori, Roberto Mostacci, Paolo Portoghesi ed Erino Pompei, Sindaco del paese.
L’evento arriva come diretta conseguenza della mostra “Nostoi. Capolavori ritrovati” del 2007 che celebrava il rientro in patria di decine di opere d’arte acquisite illegalmente.

Ed ora dal 23 gennaio al 16 marzo 2014 si può ammirare il risultato ottenuto dalle Forze dell’Ordine ne “La memoria ritrovata. Tesori recuperati dall’Arma dei Carabinieri” .

Scrivendo scrivendo..

Qui accennai ad un articolo. Ieri è stato pubblicato e lo si può leggere a questo indirizzo. Ma nel frattempo non me ne sono stata ferma: ho approntato un pezzo per questa piattaforma che lo manda on line a breve. Ecco l’incipit…
Tutti per uno, uno per tutti verrebbe da commentare a leggere il risultato ottenuto dalla collaborazione della Presidenza della Repubblica con il Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo, con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.
Ben 100 opere tutte in mostra al Palazzo del Quirinale, per rendere omaggio al lavoro degli uomini dell’Arma.

1560552_10203192270674476_1889131451_n

Made in Italy in digitale

Cosa hanno in comune il cappello di Montappone in provincia di Fermo, il prosciutto di San Daniele e il corallo di Trapani?

Me lo sono chiesto per puro esercizio della retorica nell’incipit del mio ultimo articolo.

Semplice: sono rigorosamente prodotti made in Italy e rientrano in un progetto di Google. Qui gli internauti potranno scoprire le eccellenze del sistema agroalimentare e dell’artigianato italiano, il loro passato e il loro legame con il territorio mediante un centinaio di mostre digitali, con trame di racconti, immagini, video e documenti storici

Grazie al lavoro del gigante della Silicon Valley si potrà scoprire, per esempio, quanto antica è l’attività tradizionale del distretto del cappello nei comuni di Montappone e Massa Fermana: risale al 1300. Tra le curiosità messe in luce da Google si viaggerà nel tempo, in una Sicilia antica dove il corallo trova la sua popolarità come amuleto, specie contro il malocchio come testimonia il classico cornetto. Si riteneva, inoltre, che giovasse alla fecondità delle donne e proteggesse i bambini dai pericoli.

216-12-15-02-2255

Questa Giornata della Memoria merita attenzione. Desidero dare spazio a questo scritto dalla mia amica Giulia…

cum versari

“Hurbinek era un nulla, un figlio della morte, un figlio di Auschwitz. Dimostrava tre anni circa, nessuno sapeva niente di lui, non sapeva parlare e non aveva nome: quel curioso nome, Hurbinek, gli era stato assegnato da noi, forse da una delle donne, che aveva interpretato con quelle sillabe una delle voci inarticolate che il piccolo ogni tanto emetteva. Era paralizzato dalle reni in giú, aveva le gambe atrofiche, sottili come stecchi; ma i suoi occhi, persi nel viso triangolare e smunto, saettavano terribilmente vivi, pieni di richiesta, di asserzione, della volontà di scatenarsi, di rompere la tomba del mutismo. La parola che gli mancava, che nessuno si era curato di insegnargli, il bisogno della parola, premeva nel suo sguardo con urgenza esplosiva: era uno sguardo selvaggio e umano ad un tempo, anzi maturo e giudice, che nessuno fra noi sapeva sostenere, tanto era carico di forza e di pena. 

View original post 377 altre parole

Rivista! una specie

Qualche amico lo sa già, ma ora desidero darne divulgazione.

E’ nata a Bologna una rivista di poesia e letteratura. Questo il suo manifesto. Ne sono direttore responsabile e credo nel progetto. In questo numero, tra gli altri, voglio evidenziare Cult, pagina dedicata agli articoli di cultura generale. Ogni articolo è un assaggio ben documentato su temi d’interesse attuale, con allegata una bibliografia, per chi intendesse sviluppare una sua ricerca. Cult, come gli altri contenuti, è aggiornato di venerdì.
Qui , chi volesse, può leggere il mio nome.

225 e non li dimostra!

Il British Museum compie 225 anni e li festeggia con un record assoluto di visitatori. La più antica collezione pubblica del mondo nel 2013 ha infatti registrato picchi di 34mila ingressi giornalieri, raggiungendo nell’arco dell’anno un totale si 6 milioni e settecentomila biglietti venduti, e superando anche i risultati raggiunti nei giorni di straordinaria affluenza che avevano avuto luogo in occasione dei Giochi Olimpici del 2012.Il resto si legge qui.

19621-britishmuseum-1890-1900

A come Arte

Pochi giorni or sono entrai in contatto con questa rivista on line di arte. Tra gli ultimi numeri notizie di una mostra archeologica che, attraverso la storia del vino, approfondisca la conoscenza del periodo che va dall’Antico Regno all’Epoca Romana.
E,poi, una dritta su un museo di nuova edificazione, ma su un edificio già esistente.

Al 73 di Rue des Gobelins di Parigi, dove sorge l’omonimo antico teatro la cui facciata fu scolpita da Auguste Rodin, Jerome e Sophie Seydoux hanno deciso di stabilire il nuovo quartier generale della Fondazione Pathé ed erigere un tempio dedicato al cinema muto.

Infine leggiamo notizie del prossimo film relativo al genio di Renoir. Siamo nel 1915 il pittore Auguste Renoir vive i suoi ultimi anni tra il ricordo della moglie morta, gli acciacchi dell’artrite e la preoccupazione per il figlio Jean, vittima di un ferimento. Nella sua vita entra improvvisamente Andrée, una ragazza radiosa capace con la sua energia di travolgere tutto ciò che ha intorno e di ispirare nuovamente l’estro creativo di Auguste…

Il giro del mondo è finito

È giovane, è un auriga ed è nato 2.500 anni fa. Ora torna in patria, nella Sicilia che l’ha visto scolpire mirabilmente tra il 450 a.C. e il 440 a.C. , studiosi dixit! L’efebo di Mozia, il più celebre al mondo, è tornato dagli Stati Uniti dopo due anni di girovagare per il mondo. Nel giugno del 2012 la statua, tra le opere più pregevoli del nostro patrimonio artistico italiano, era in mostra presso il British Museum di Londra.

Per il mio articolo intero rimando qui.