Ballando dopo il voto…

Sono andata a votare e ora mi faccio un salto ( si fa per dire) ben sapendo che il Sud è abbandonato a se stesso e Roma non trova rimedio per la nostra cronica disoccupazione

Annunci

Viaggio in Sicilia

L’altra sera Alberto Angela ci ha regalato una pagina di un Egitto fascinoso, evitandoci la noia di queste programmazioni Rai e non Rai.

Stasera bissa con una puntata di “Ulisse” su Rai 3 dedicata alla Sicilia che non può dirsi avara di tesori e bellezze. Saremo trasportati dalla cima dell’Etna alle profondità marine delle isole Egadi in un viaggio nell’isola tra mito e storia, dalle leggende omeriche alle varie dominazioni dei Greci, Romani e Arabi che hanno lasciato splendide tracce archeologiche come la Valle dei templi di Agrigento, i tanti teatri greci come quello del magnifico sito di Segesta, fino ai mosaici di Piazza Armerina. Altrettanto fondamentali sono le eredità ancora oggi evidenti nella vita quotidiana, nella cucina, nell’agricoltura, in molte tradizioni e dialetti di quella terra.
Con Alberto Angela vedremo come si svolgeva la vita quotidiana al tempo dei romani attraverso il racconto dei mosaici della Villa del Casale di Piazza Armerina: una delle più imponenti testimonianze della civiltà romana.

images

Quando il caos ha regole


Annata 1682. In un piccolo villaggio chiamato Versailles si sta costruendo qualcosa di spettacolare per celebrare Luigi XIV. In questa trama irrompe Sabine una giardiniera, interpretata da Kate Winslet. La donna si dimostra subito volitiva e talentuosa e viene scelta per il progetto. Ma una scoperta attende la giardiniera: la capacità di destreggiarsi tra le fitte trame politiche della corte è tanto importante quanto le competenze nel proprio lavoro.
Così, nel periodo concessole, per progettare e realizzare la sala da ballo all’aperto di Rockwork Grove, Sabine ha modo di sperimentare e conoscere da vicino le piccole e grandi rivalità di corte e di addentrarsi nell’intricata rete di regole ed etichette.

Et voilà, Palazzo Farnese

Stavolta desidero pubblicizzare un sito on line romano che è stato appena inaugurato, quello relativo a Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata francese in Italia dal 1874.
E’ vero che si tratta solo di una visita virtuale, ma è già tanto per chi non può andarci di persona. Il sito parte dai sotterranei per poi approdare nel cortile, al piano nobile e al secondo piano.
Un paio di notizie e poi rimando al sito per approfondimenti.
Esempio della corrente sintetista sangallesca nell’architettura rinascimentale cinquecentesca, sorge nell’omonima piazza, nel rione Regola.Giacomo Puccini vi ambientò il secondo atto dell’opera Tosca.

roma_farnese03

Di filo in filo

La lavorazione del legno, la conciatura delle pelli, l’arte di soffiare il vetro, son tante le attività nate dall’immensa creatività umana. Io mi son occupata della tessitura perchè ho incontrato grazie al web una realtà per me seducente ad opera di Marta Cucchia a Perugia.atelier-giuditta-brozzetti

L’ho sentita per telefono, poi l’ho intervistata, ricavandone un’ottima impressione e notevoli suggestioni.

Lascio l’incipit del mio articolo qui e rimando qui chi volesse approfondire.
Si può a giusto titolo definire figlia d’arte Marta Cucchia che a Perugia ha preso il testimone dell’attività familiare. Penelope sarebbe stata fiera di lei che sui telai crea opere ispirandosi anche a pittori famosi come il Pinturicchio. Una produzione, la sua, talmente di spicco che l’Atelier Laboratorio da qualche anno ha una location d’effetto ed è entrato nel sistema museale umbro.

Dal Cilento

A Stio nel Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano ancora si lavorano gli strumenti musicali di un tempo. Questo video non è recente, ma è esplicativo e funge da vicario fino a quando non realizzerò una mia intervista. Rimando qui chi volesse conoscere più da vicino l’attività creativa di Domenico Campitiello.

Dante su Radio 3

Se siete patiti di Dante, se volete festeggiarlo quest’anno che ricorre il 750esimo anniversario, se volete riempire qualche lacuna, questo è il sito Rai che fa per voi.
Il 22 maggio tutta l’Italia si inchina davanti al genio di Dante Alighieri. In occasione del 750esimo anniversario della nascita del padre della “Divina Commedia”, andranno in scena manifestazioni ed eventi in Italia e all’estero. Anche Radio3 celebra l’anniversario e rende omaggio al poeta con una selezione di pregiate proposte d’archivio e un nuovo programma in sei puntate, Dante 7.5.0., in onda il sabato dal 23 maggio al 27 giugno alle 18.00. 

Dante_exile

Cilento, terra di migranti

iommagine √

Anche quest’anno Campora (Sa) ospita il Cine Lab sulle mille facce del cinema, dalla scrittura alla fase di produzione e regia, dalla recitazione al montaggio. Luogo di incontro, creazione. 

Una delle responsabili, Francesca Fichera “actor’s coach” per inciso, mi ha chiesto di aiutarla quest’anno con delle idee sul Cilento. Le piacerebbe dedicarsi alle poesie in dialetto o ad un evento storico. E così mi son messa a cercare.
Vagola vagola, mi son imbattuta anche nelle fiabe. Ma su tutte mi piace lasciare una poesia sul migrare. Qui per la traduzione.

Quanno partisti
patre, ppe la Merica
a la ventura
‘nno respensorio ‘ncuoddo
Nui, zichi,
parìamo orfanieddi
spiersi inta la via.
La tofa re lo postale
tinìa e ancora tene
sapore re tofa re navi.
Inta la vigna
mogliereta s’accirìa re fatìa
ppe spenne
ddo fuoco re giuventù
ca inta re ardìa.
Ia ppe la casa
mammeta ‘nzallanuta
e li iuorni e la vita
le conzumava senza fantasia.
Quanno tornasti, patre,
roppo tant’anni,
come sponta ‘n ato fiore
a stiento
ppa lo milo
roppo ‘nna gelata r’abbrìli
accussì
spontarono tra re nui
le parole, li sguardi, le cunfirenze.
‘Ncasa nosta, a lo Ciliento
avìa fatto meno ranni la uerra! 

I gioielli nella pietra

magliano_0

Magliano Vetere è un paese del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. Da diversi anni vi è installato un Museo Paleontologico al quale ho dedicato un servizio giornalistico. Vorrei tornarci per i percorsi da trekking dei quali va fiera e per la chiesa che merita attenzione.
L’antica Malleanum venne fondata dai popoli per la necessità di ripararsi dalle incursioni di popoli predatori che giungevano dal mare infestando il territorio del Cilento. Questi popoli avevano fondato il loro primo nucleo abitativo lungo il fiume Alento e il fiume Calore. Poi fu per l’incursione dei Barbari che questa popolazione riparò sulle colline fondando due nuclei abitativi distinti, uno sul monte Ceglie e uno sulla collina dove è oggi Magliano nuovo. Nel territorio di quest’ultimo si trova Pietra Perciata, passaggio naturale che univa la valle del Calore a quella dell’Alento e intorno all’anno 1000 consentiva ai viaggiatori di raggiungere le aree più interne. Il passaggio avveniva dietro pagamento di una gabella, e faceva parte di uno dei quattordici valichi del sud Italia con diritto di pedaggio. In origine il passaggio era chiuso nella parte superiore da un masso costituendo così un breve tunnel.

DSCN8748

Rimando qui chi volesse vedere qualche foto.