Once upon a time


Presto accennerò a questo splendido ed antico maniero che si erge sulle vallate e sui fiumi. In vista del Monte Cervati….
E’ una sentinella.
L’ho visitato.

Vi ho realizzato un servizio giornalistico.

Il Castello dei Filomarino, ora Giuliani, è nella nostra “top ten”.

E’ stato scelto.

Sarà tra le location di un film in produzione.

Le altre sono:

  1. i vicoli, le case, la piazza antica di Roscigno vecchia
  2. il convento francescano di Bellosguardo
  3. la Chiesa Matrice di Sacco.
Annunci

Autunno (1)

Mantengo in parte la promessa..

Ecco un paio di foto…

Questo è il melograno che mi ha donato la mia meravigliosa amica Francesca.

Sembra un cocomero, ma non lo è..

DSCN0046[1]

Per dimostrarne la grandezza eccolo insieme ai melograni colti nel mio giardino…

DSCN0047[1]

Aggiornamento breve

MelogranoCon questo simbolo di fecondità e di ricchezza, ringrazio tutti, chi mi ha lasciato qua un gentile commento e chi è solo passato..

Chi mi ha telefonato e  chi mi ha scritto via mail…

Siete stati tutti di grande aiuto in questo nostro momento familiare delicatissimo..

Mia suocera è in Terapia di Urgenza,

Lotta tra la vita e la morte..

p.s.

Spero domani di poter mettere foto scattate alle foglie autunnali con la mia digitale. Rosso rubino,, amaranto, color albicocca, nuance vinaccia, ocra , tutte foglie cadute dalle piante di FRANCESCA FERRO, una mia nuova spettacolare amica.

Sono stata sua ospite alle porte di Salerno.

foglie-rosse.jpg

Rosa sta per partire…

Mi allontano.
Non so quando rientro.
Gravi motivi di famiglia mi conducono a Salerno.
A Rosa, detta qui a Sacco Sisina o Rosinella, nonna e mamma di 94 anni, 
urge la presenza, l’aiuto e il nostro sostegno.

Mio e di mio marito.
Le nostre vite son nelle mani del Creatore…

In questa foto lei è la più alta delle due, la maggiore.

Rosa e RacheleMonaco

Sua sorella Rachele è l’altra.
Si son volute molto bene.
Noi le vogliamo molto bene…

In montagna con il cuore

Il silenzio in queste montagne è una risorsa.

E’ un privilegio al quale non posso e non so rinunciare…

 

Ti prego,

resta con me in questo

sinuoso silenzio.

Incede il tacito skyline

eppure infuria ancora il rumore,

infuria, sì

ma per poco.

Assisto alla vittoria del silenzio

gladiatrice

ammiro il finire della luce:

mi giova.

Riposo.

Novembre 2015

immagine5

Il mare, io e le conchiglie

Manarola LA SPEZIA

Sono nata sulla costa.
Si spalma, la mia città, da Vietri sul Mare fino a Paestum senza soluzione di continuità.
Da ragazza ( 13 anni  e fino ai 18 ) ho vissuto le mie estati nel paesello cilentano reso celebre dal film “Benvenuti al Sud”…
Il mare mi manca un po’.
Anche perchè son ghiotta di crostacei e molluschi!
Da ragazza amavo, come tante romanticone, raccogliere conchiglie sulla spiaggia.
E adoravo camminare a piedi nudi lungo la rena dorata del Pozzillo, lungo la spiaggia adiacente il porto di San Marco, e, poi, punta Tresino, Mezza Spiaggia, Punta dell’Inferno…ect
Le portavo all’orecchio quelle creature spiaggiate, mute dai colori stupendi.

Mi incantavano.

E sentivo l’eco del mare..
Papà ( ora novantenne) era un pescatore subacqueo provetto. Ho la foto di un enorme polipo pescato con un suo amico e mio fratello Lucio.

Grazie a lui mangiavano uova di ricci di mare a go gò e cannolicchi crudi sulla spiaggia!! Un Kamasutra per le papille gustative…

Papà aveva una tecnica inossidabile: essa è stata tramandata a figli e nipoti!

download

Neapolis e il mare

Rimango in Campania, in dettaglio a Neapolis.
Mi è parso opportuno dopo il post tutto dedicato a ribadire il primato della legalità sull’illegalità, della cultura sull’ignoranza.

Il mio post è datato ma lo ripropongo perchè credo sia interessante e per gli amanti del “mio” Sud.

Lo si può leggere nella sua interezza  qua.

Gaspar van Wittel (1652-1736), Napoli dal mare.

Alchimie

Il Mediterraneo come «mare mondiale », ovvero scenario carico di eventi storici di portata globale, teatro di civilizzazione ma anche di conflitti. E al suo interno Napoli, che con il mare ha storicamente avuto un rapporto difficile e ambiguo. Queste le coordinate entro cui si è svolto il discorso dei due primi relatori delle «Lezioni di storia 2011» dedicate appunto a Napoli e il Mediterraneo.
Gaspar van Wittel (1652-1736), Napoli dal mare.
L’incipit del pezzo a firma della collega Mirella Armiero è quasi eccitante e dopo aver letto l’articolo su carta l’ ho rinvenuto on line.

Rimando quiper la lettura del testo integrale.

Lo evidenzio perchè riguarda Napoli e sfata alcune leggende metropolitane, altrimenti dette stereotipi.

Un rapporto mancato e controverso si consuma tra il mare e l’antica città fondata dagli abitanti di Cuma nel 475 a.C. come Neapolis in una zona più bassa rispetto ad un insediamento precedente , voluto come emporio nel VII…

View original post 45 altre parole

“La Luce viene dall’ombra”

8d7
È stata prorogata fino al 13 dicembre prossimo la mostra Gli Uffizi a Casal di Principe.
L’evento riveste un significato di alto valore simbolico…
La mostra ospita opere del Museo di Capodimonte.
Tra esse La Strage degli innocenti di Massimo Stanzione, la Venere dormiente scoperta da un satiro di Pacecco de Rosa e la Natura morta con ortaggi e fiasca di fiori di Ruoppolo.
L’esposizione si è aperta al pubblico il 21 giugno scorso.
Ospita anche venti importanti opere della galleria degli Uffizi di Firenze.
La luce vince l’ombraconcentra l’attenzione sulla pittura del  1600, forte di artisti napoletani o legati a Napoli.
La pittura di artisti caravaggeschi è il filo conduttore di una esposizione unica nel suo genere.
In mostra a Casal di Principe opere eccezionali di Artemisia Gentileschi (Santa Caterina d’Alessandria), di  Luca Giordano (Carità), di Mattia Preti (Vanità).
Ospitata presso Casa don Diana a Casal di Principe (Ce), “La luce vince l’ombragli Uffizi a Casal di Principe”  reca la regia di Antonio Natali (Direttore della Galleria degli Uffizi) e Fabrizio Vona (Direttore del Polo Museale Regionale della Puglia).
L’esposizione gode dell‘ Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.
E non solo.
La mostra vede coinvolti :
1) Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
2) Galleria Nazionale degli Uffizi
3) Museo Nazionale di Capodimonte
4) Reggia di Caserta
5) Museo Campano di Capua
6) Comune di Casal di Principe.
GiuseppeDiana
Padre Giuseppe Diana

Casal di Principe 1958 – Casal di Principe 1994