La schiavitù e il cioccolato

chocolate_criancas_escravas

Questa notizia devo evidenziarla da me perchè rendere schiavo del lavoro un minore è da denunciare e far conoscere.
Come giornalista sento mio DOVERE divulgare e denunciare.
Il cioccolato piace a tutti.
Ma chi conosce il lato oscuro di questa prelibatezza??
Sette son le marche sotto il mirino: esse usano il lavoro minorile.

Leggo in Aleteia i particolari.

Nel settembre 2015 è stata presentata un’azione giudiziaria contro la Mars, la Nestlè e la Hershey .

Il motivo? Semplice: stavano ingannando i consumatori che “senza volerlo” stavano finanziando il lavoro schiavo infantile del cioccolato in Africa Occidentale.

Alcuni bambini son stati liberati, ma i loro racconti sono agghiaccianti. Essi spesso ricevevano pugni e venivano picchiati con cinte e fruste.

Capita che si tratti di ragazzini schiavizzati anche sotto gli undici anni  costretti nelle piantagioni a turni tra le 80 e le 100 ore a settimana. Rimando a questo documentario i dubbiosi.

Per capirne di più rimando al link stesso di Aleteia.

Annunci

13 pensieri riguardo “La schiavitù e il cioccolato

  1. Non c’è dubbio alcuno che dietro i nostri capricci (il consumo di cioccolato non è certo vitale) c’è la sofferenza e lo sfruttamento delle risorse altrui (anche quelle umane). Basti pensare anche agli smartphone che possediamo e a certe loro parti realizzate in Coltan (una cosiddetta “terra rara” la cui estrazione in determinati paesi comporta uno scempio paesaggistico e umano), oppure ai prodotti contenenti olio di palma..

    1. Chissà se si può fare qualcosa per arginare queste schiavitù.
      Un referendum oppure campagne di sensibilizzazioni..
      E’ inammissibile che esista pure nel III millennio!
      Questa del Coltan la conoscevo…
      Lo confesso: ignoravo fino a pochi giorni fa il tema del post.
      Stavo vergando un articolo per la Comunità di Sant’Egidio sulla pena capitale, ma a questi bambini ho dovuto dare la priorità..

      1. Ritengo che il solo fatto di diffondere queste notizie sia già un modo ottimo per combattere queste vergogne.. La sensibilizzazione innanzitutto sul web deve andare avanti a oltranza, perché fino a quando potremo essere liberi di scrivere ciò che vogliamo, senza il filtro della politica o delle lobbies, dovremo approfittarne!

  2. E non solo in Africa:in sud America sfruttano le persone pagandole niente sia per la raccolta di caffè che di cacao.Io che ho una vera dipendenza dal cacao (consumo ogni giorno almeno una tavoletta più la cioccolata in tazza a colazione) consumo solo cacao equo solidale certificato,cioè proveniente da piantagioni in cui le persone sono pagate il giusto.Di solito prediligo il cacao dell’Ecuador. Oppure il cioccolato svizzero,come Lindt,che sicuramente non compra il suo cacao dove sfruttano i minori (e poi ammettiamolo:il cioccolato Lindt é il migliore di tutti!)

    1. Lo confesso: lo preferisco alle altre marche insieme al belga Côte d’Or..
      Questa notizia Indiana mi ha profondamente rattristato.
      Lo sai che, in genere, mi occupo di arte…
      Stavolta ho dovuto dedicare al tragico tema un apporto in questo piccolo blog che nel web è nulla, ma ho sentito di fare il mio dovere…

      1. E hai fatto benissimo! Il lavoro minorile è una vergogna e uno schifo! In Italia era stato fortemente abolito da Mussolini , ma pare che adesso stia tornando in voga anche qui,specie in certe fabbrichette cinesi nascoste di cui tutti sanno ma nessuno parla! I bambini di tutto il mondo devono giocare, crescere, imparare, essere protetti. Chi li usa e si permette di abusarne non ha niente di umano!

      2. P.s: io lo mangio tutto il cioccolato: belga, ecuadoregno, austriaco, svizzero, italiano….ma prima m’informo bene di come lavorano perchè per gustarmi in pace la mia cioccolata o il mio cacao devo sapere che nessuno ha sofferto o è stato sfruttato, adulto o bambino che sia.

        1. Ok, ma poi me lo dici in un orecchio le tue fonti?
          Ora mi hai incuriosita, Indiana.
          Stamattina ( approfittando della perdita di peso) ho comprato, lo so sono una svergognata, una confezione Lindt per farmi una cioccolata calda..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...