Ladies and gentleman, ecco la neviera

Fontana dei caciocavalli1
Fontana dei caciocavalli

I suoi 1898 metri non me li son fatti tutti, ma una parte sì.

Il Cervati, gigante della Campania ha numeri da maggiorata e  vanta la neviera più a sud di Europa. Se ne servivano i Borbone, pensa un pò.

Quando ci salii l’ultima volta ( per Sanza nel Vallo di Diano, ndr) un branco di cavalli mi incantò.

Molti vi si recano in pellegrinaggio il 5 di agosto di ogni anno, quando si festeggia la Madonna delle Neve.

E se su di una balza erbosa del Monte ( a 1852 metri vi si erge la chiesetta appunto), cento metri più in basso si incontra la neviera, ovvero un profondo inghiottitoio carsico dove la neve permane perenne, schermata dalle oscure ombre delle bianche rocce.

Il lavoro giornalistico che ho inserito è stato realizzato 5 anni fa. Mi piace sottolineare la collaborazione ricevuta dagli amici del Gruppo Speleologico del Vallo di Diano che si è calato nella neviera.

La raccolta della neve era consuetudine delle popolazioni. Fino a pochi decenni or sono salivano con i muli fino alla quota 1785, riportando a valle grossi pezzi di ghiaccio utilizzati in vario modo.

Il Re di Napoli perfino se ne servì.

Palinuro e il suo porto ne furono testimoni.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...