Quel diavolo di un Principe

Nel post precedente Lilly mi sottolineava il suo gradimento per la cappella e un’opera seducente che esibisce questo luogo misterioso per molti aspetti.

marmore9.png
“La pudicizia” di A. Corradini

Confermo quanto lei ha digitato: la statua, appartenente ad una terna formidabile, è un monumento dedicato da Raimondo di Sangro alla memoria della mamma, Cecilia Gaetani dell’Aquila d’Aragona.

Deceduta il 26 ottobre 1710 a Napoli, la madre di Raimondo fu nobile Dama dei Principi di Piedimonte.

Per inciso, quando la nobildonna passò a miglior vita il figlio non aveva ancora un anno di vita.

Compiuta nel 1752, “La Pudicizia” dalle fattezze tutt’altro che pudiche!

Per questa statua avvenne un colpo di scena. L’artista in realtà chiamato dal principe di Sansevero come co-ideatore ed esecutore del progetto iconografico, muore nello stesso 1752.

A ricordarcelo è la lapide che si legge perpendicolarmente al pilastro de “La Pudicizia” che spiega la dipartita “dum reliqua huius templi ornamenta meditabatur” , ossia “mentre il resto degli ornamenti di pianificazione”.

Immagine

Torno al Principe, “genius loci” nel senso pieno della parola.

Raimondo inventa, progetta e tiene alla sua formazione più di tutto. E’ notoria la sua passione per la filosofia e il diritto e non escluse interessi verso l’idraulica, l’occultismo e la pirotecnica.

Un suo arditissimo progetto, per il cortile del Collegio che lo ospitava, è talmente geniale da attirare la lode degli architetti. La sua fama giunge fino alla corte dello Zar.

Raimondo fu assai noto per le sua invenzioni , che entusiasmarono Carlo di Borbone a punto da affidargli incarichi prestigiosi.

Eppure il Principe di Sangro rimane nella memoria come mago, stregone, e addirittura assassino.

Indubbiamente ‘La cavea sotterranea’ della Cappella è inquietante.

In sintesi, in seguito alla morte del Principe alchimista vennero rinvenuti, in un locale sotterraneo della Cappella, gli scheletri di un uomo e di una donna rivestiti dell’intero sistema venoso ed arterioso, nonchè di vari organi.

La tradizione vuole si tratti di persone morte accidentalmente, cui Raimondo de Sangro avrebbe inoculato una sostanza di origine e composizione sconosciute.

Essa avrebbe “metallizzato” tutte le vene, le arterie, i vasi capillari e alcuni organi. C’è una seconda ipotesi, ma è tutta da verificare!

Ma la fama di un uomo cresce anche in base all’alone di mistero.

E Raimondo VII Principe dè Sangro non fa eccezione.

Immagine1

 

 

 

Annunci

19 commenti Aggiungi il tuo

  1. lillyslifestyle ha detto:

    Eccola 🙂 ❤ È impressionante, ogni volta che la vedo dal vivo mi vine la pelle d'oca.

    1. marzia ha detto:

      A me han consigliato un libro, in pratica una biografia romanzata del Principe di Sangro, ma poco mi convince.
      Spero di produrre sempre post così allettanti.
      🙂

      1. lillyslifestyle ha detto:

        Le biografie romanzate non mi piacciono molto, mi sanno di Dan Brown -_- Finora non hai deluso mai le mie aspetattive 😉

        1. marzia ha detto:

          Ma son di quel genere Lilly!
          E noi non ci caschiamo 😉

  2. Donato Capozzi ha detto:

    Un’opera d’arte pazzesca…

  3. marzia ha detto:

    Donato è di una forza dirompente…

  4. Pietro Barnabe' ha detto:

    Pudicizia … più sexy che pudica :-D.
    Ciao

  5. tachimio ha detto:

    Son d’accordo con Pietro. Se ti posso consigliare un blog , visto i tuoi interessi, è questo :
    http://reliquiosamente.wordpress.com/
    E’ di una mia carissima amica, Nicoletta. Rimarrai , ne sono certa, molto colpita. Un abbraccio. Isabella

    1. marzia ha detto:

      Lo visiterò quanto prima, grazie!

      1. tachimio ha detto:

        Non te ne pentirai. Isabella

  6. marzia ha detto:

    Ho cliccato, ma pare che il link sia errato..puoi controllare meglio?

  7. newwhitebear ha detto:

    leggo e osservo curioso. Intrigante l’argomento.

    1. marzia ha detto:

      Avere curiosità è avere intelligenza.
      Ho sempre da imparare sai?
      Mentre studiavo l’argomento ho scoperto dettagli nuovi, ci avresti creduto?

      1. newwhitebear ha detto:

        Certamente. Io mi dico sempre che non si smette mai di imparare cose nuove. Così sono curioso per conoscere qualcosa di nuovo. Non importa se è del passato o del futuro.

        1. marzia ha detto:

          Concordo.
          Da quando leggo con il Lettore Wp i post per me son più facili da seguire.
          Son parecchio miope…
          Mi potresti lasciare il link della prima puntata del tuo racconto?

        2. newwhitebear ha detto:

          Quale? Quello pubblicato su Nuovoorosbianco è posto in fondo all’ultima puntata. Poi in ogni puntata c’è il link a quella sucessiva Quello che ho terminato qui è questo. https://newwhitebear.wordpress.com/2015/04/16/una-storia-cosi-anonima-parte-prima/
          Qui non ci sono i puntatori come nell’altro. Prova a seguire il tag Templari

        3. marzia ha detto:

          Ok, proverò..
          La creatività altrui è sempre fonte di seduzione per me..infonde tante riflessioni, domande.

        4. newwhitebear ha detto:

          Cuirosa.. 😀 Grazie per leggere il mio scritto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...