Azulejos e “riggiole”

azu3

Amo tutte le tonalità dell’azzurro fino al cobalto.
Di conseguenza, dinnanzi agli azulejos io mi incanto. 

Prima di parlarne, vi invito a visitare il blog di Elisa e questo post  in dettaglio.
Credo che Lily ed Elisa mi diano ragione se affermo che il miglior biglietto da visita del Portogallo è rappresentato da questi decori, abilmente nati dalle mani di artigiani di prim’ordine..
La paternità degli azulejos è araba.

Ai sovrani portoghesi piacque questo tipo di decorazione e, se piace al Re il gioco è fatto.

Gli azulejos ebbero un posto fisso dalla corona; a partire dal XVº secolo, iniziarono a svolgere un ruolo di protagonisti nell’architettura di questo paese che si affaccia impavido sull’Atlantico.
Per inciso, il territorio del Portogallo ( chi di noi pensando a Lisbona non va con la mente alla magistrale interpretazione di Mastroianni in “Sostiene Pereira” , film tratto dal romanzo di Antonio Tabucchi ?) corrisponde all’antica provincia romana di Lusitania, e dai rilievi della Meseta iberica scende fino alla costa atlantica.
Bene.

Ma il vero boom per l’azulejos arriva con il XVIIIº secolo quando le piastrelle iniziarono a decorare chiese e conventi, palazzi e case, giardini, fontane e scalinate.

Per par condicio accenno alle nostre “riggiole” meridionali: esse vengono lavorate a Rufoli di Ogliara (Sa) laddove sopravvive una fornace all’incuria degli uomini. E nascono grazie all’abilità dell’artigiano che sa usare il vento detto “Napolitano”.

Me lo raccontava Ugo Marano, artista scomparso che ne curava i decori.

Il segreto era proprio nel matrimonio di acqua, vento, terra, fuoco.

Credo che questo sposalizio valga tanto nei coloratissimi azulejos quanto nelle nostrane “riggiole” che presentano colori mediterranei com’è giusto che sia.

Molte residenze son state decorate dalle piastrelle salernitane.

Ne scelgo una: Villa Doria-Pamphjli, che ve ne pare?

DM_lavori_1

 

8 thoughts on “Azulejos e “riggiole”

  1. rimango incantata anchi’io di fronte alle maioliche, mi hai fatto tornare in mente il bellissimo Chiostro Maiolicato di Santa Chiara di Napoli che è un vero spettacolo.Grazie Marzia🙂

  2. Niente di nuovo sotto il sole, Lilly…la RAI quando deve filmare deve chiedere permessi e pure ringraziare..quando le va bene.
    Può pure darsi, come mi è capitato, che pretendono compensi ..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...