La Madonna degli Angeli

Ho rinvenuto un breve video realizzato da mio marito.
Guardatelo, ve ne prego, scevri da pregiudizi, con occhi che vanno oltre le apparenze, che sanno cogliere, in frammenti di vita, il bisogno di certezze e di infinito.
Il nostro breve lavoro immette direttamente nel clima e nella religiosità popolare che il 2 agosto impregna Sacco (Sa).

Nella Vergine questa gente vede l’unico sostegno ora come in tempi antichi quando si partiva per le Americhe e, spesso, non si tornava oppure si aspettava la lettera con i dollari che servivano per crescere i figli..
Questa gente vive ai margini di una provincia sì estesa, ma che dalla quale si sentono abbandonati, quasi reietti.
Eppure mantengono la fierezza delle loro tradizioni e dei culti, baricentro della loro identità come persone e come collettività.

8 thoughts on “La Madonna degli Angeli

    • Si chiamano cente e son costruite come avrai viste nel video.
      Son a forma di barca o di torre e su un supporto di legno, in segno di devozione o di voto, arricchite da candele e da fiori costruiti da loro.
      Io persino ho imparato a farne; son di tulle, ferro filato e carta crespo…
      Fantastico no?🙂

  1. In un paese vicino la città dove risiedo, la prima domenica di settembre si festeggia la Madonna del popolo per rievocare un miracolo che salvò il paese dall’ennesima scorribanda dei turchi, che in quegli anni la facevano da padroni nei nostri mari e nelle nostre terre.
    Il nostro è il paese delle madonne e delle feste alle madonne! Quante analogie con i nostri giorni, solo pensando alla presenza dei mussulmani durante le celebrazioni eucaristiche di quest’ultima domenica: loro dicono che le nostre chiese sono belle ma sono vuote. Guardando il video, Marzia, ho potuto constatare che il culto è rimasto nelle mani e nei cuori di pochi, e questi pochi, purtroppo non sono giovani. Le donne furono le prime a correre al sepolcro, le donne siedono sole sui banchi delle chiese, sole cantano e sole seguono, in processione una madonna.

    • Ti scriverò in pvt: mi piacerebbe sapere a quale paese ti riferisci.
      I turchi, sai che da noi c’è un grido ancora che riecheggia nei discorsi?
      “Mamma li turchi alla marina”!

      Devo darti ragione: son soprattutto donne a portare avanti le tradizioni forse perchè fisiologicamente siamo noi che custodiamo la vita…
      Qui stanno nascendo come funghi i centri di accoglienza; ben vengano così questi paesi si ripopolano un pochino!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...