Omaggio a Dora

Ho raccolto una nuova sfida..stavolta poetica.
Ma Dora mi assicura che l’ho vinta.
Così la pubblico stanotte ( domani ho una visita oculistica e non so quando rientro)…

La sua “creatura” mi ha ispirato le immagini che vedete e che ho terminato di montare poco fa.
Mi dicono che sono una persona empatica.
Pure Dora lo è.
In un arido tempo di individualismi e di narcisismi, un tempo percorso dai fremiti dell’Ego e dove spazio per l’ Altro da Sè non lo vogliamo trovare,  l’empatia è da tenersi stretta.

Come Dora.

Annunci

27 commenti Aggiungi il tuo

  1. erospea ha detto:

    ‘piccola’ io per le tue parole…
    commossa per questo dono…
    grazie… ❤

    1. marzia ha detto:

      Mi hai dato fiducia Dora: questo è il passe-partout per la mia serratura..
      Grande tu ad avere avuto fiducia in me che sono, in fin dei conti, una estranea.
      Un bacio

      1. erospea ha detto:

        non sempre per incrociarsi poesia è necessaria una conoscenza lunga nel tempo
        l’hai detto: ci si va per empatie e di lì le Alchimie…
        Notte danzante, Marzia
        grazie ancora…

  2. erospea ha detto:

    L’ha ribloggato su Erospeae ha commentato:
    commossa rebloggo da Marzia di Alchimie

  3. gelsobianco ha detto:

    In.canto grande profondo che mi commuove è in questo video con immagini e musica di Marzia e versi di Dora.
    Incontrarsi empaticamente… non restare chiusi nel proprio guscio… lasciarsi scivolare l’uno nell’altro con le proprie sensibilità.

    Grazie. Grazie.

    gb

    1. marzia ha detto:

      Sono i piccoli miracoli che accadono…basta porsi in ascolto dell’altro, Gelso bianco.
      E’ un connotato che mi unisce a Dora e credo ad altri..a tanti, io spero.
      E mi ritengo una donna in ricerca e cammino.
      Grazie dell’apprezzamento

      1. gelsobianco ha detto:

        Io credo molto nell’ascolto dell’altro, Marzia.
        Questo “miracolo piccolo grande” è bello davvero
        🙂
        gb

  4. gelsobianco ha detto:

    Evocative quelle mani che si stringono.
    Quell’intreccio mi ricorda il ventre materno.
    Luce.
    Che video bello bello, Marzia.

    gb

    1. marzia ha detto:

      Il ventre materno ho voluto evocare e, credo, anche i versi di Dora..
      Noi donne siamo vocate ad accogliere …

      1. gelsobianco ha detto:

        sì, Marzia.
        concordo con te.
        🙂
        gb

  5. Franz ha detto:

    Semplicemente: Magnifica! Connessione empatica tra immagini e testo…stupefatto di bellezza!

    1. marzia ha detto:

      Franz…ci siamo incontrate in quanto sensibilità.
      E tu sai Dora che grande donna è..
      Grazie

      1. Franz ha detto:

        si, lo so. Ripeto bellissimo risultato

  6. gelsobianco ha detto:

    Anche la musica scelta da te, Marzia, si unisce empaticamente alle tue immagini e al testo di Dora.
    Una gemma rara.
    gb

  7. newwhitebear ha detto:

    veramte empatiche sono le immagini. Sei bravissima

  8. marzia ha detto:

    Gian Paolo, è stata una sfida, non credere…ho messo in campo tutta la “vis” poetica che di rado cavo fuori, per pudore soprattutto.
    Grazie per l’apprezzamento

  9. Donato Capozzi ha detto:

    Ma è bellissimo! I versi si trasformano in immagini e viceversa… non potevi fare scelta migliore per una poesia così profonda…

    1. marzia ha detto:

      Merito della “vis” di Dora e dell’empatia soprta.
      Empatia che ripeterò quanto prima con te..
      Credo che riuscirò a farti emozionare..scommettiamo?
      😉

  10. mariluf ha detto:

    Bello! Grazie, a tutt’e due.

    1. marzia ha detto:

      Sì, è un miracolo che si ripete tutte le volte che le anime di due esseri umani si incontrano…

  11. time2lifestyle ha detto:

    Dall’empatia di due donne nascono delle meraviglie!!

    1. marzia ha detto:

      Io ho visualizzato le foto tue, ma senza un plot ( anche poetico) non ho potuto metterci mano, Tiziana.
      Pure con te c’ è empatia, ma io ignoro il tuo territorio e non mi son voluta azzardare.
      Hai una poesia per i tuoi luoghi del cuore?

      1. time2lifestyle ha detto:

        Mi informerò.. Al momento non mi viene in mente niente, siamo un popolo di mezzo qui in Ticino: siamo svizzeri ma abbiamo moltissime influenze italiane. Immagino però tu ti riferissi alle foto del Canton Apoenzello giusto?

        1. marzia ha detto:

          Yes your Appenzello, my darling

        2. time2lifestyle ha detto:

          È un cantone che anch’io non conoscevo. Lì parlano tedesco come nella maggior parte della Svizzera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...