Il Castello e Aloisa

Castle of Grazzano Visconti3.jpg

L’attesa è finita e accennerò ( lungi da me annoiare chi legge) alla magione della quale ho promesso di occuparmi.

Impostata su schema quadrato con quattro torri, la magione castrense si erge in provincia di Piacenza nel comune di Vigolzone e risponde alle necessità dell’epoca: era un baluardo di difesa dei Ghibellini nelle lotte per il dominio di Piacenza.

E, badate bene, non è come la fiction “I Medici” bensì vera, autentica ed ha persino il fantasma come da prassi.

Nella sua storia, che inizia con un manoscritto di Gian Galeazzo,  non manca nulla: concitati e cruenti scontri, impiccagione di prigionieri e congiurati, episodi gloriosi.

storia_01gr.jpg

La magione esibisce un Parco a 5 stelle per il quale vi rimando al link.

Ora desidero accennare solo al fantasma perchè mi pare affascinante la sua storia.
Il suo spirito aleggia attorno a Grazzano Visconti. Essa si aggira tra il parco ed il castello.
Chi è?
Una dama dal nome ricco di poesia, Aloisa, sposa di un capitano di milizia, che venne tradita dal marito, morendone di gelosia e di dolore.

A restituircene la vicenda sono i racconti della gente,estremamente rispettosa della sua presenza, memore del suo triste destino.Immagine.jpg
Si narra che , evocata da un medium titolato, Aloisa si manifestò guidandogli la mano per tracciare il suo ritratto.
Erano i tratti di una donna formosa, non alta, che recava le braccia conserte.
Aloisa è rappresentata da diverse statue del Grazzano Visconti.
Da quei volti sembra dire:” chiedo amore e un sorriso, sono Aloisa e porto Amore e profumo alle Belle che donano”.
Nel tempo Aloisa è divenuta la protettrice degli innamorati: molti i visitatori che le offrono fiori e piccoli omaggi, per consolare lei, che nell’amore non ebbe fortuna.

Annunci

9 pensieri riguardo “Il Castello e Aloisa

  1. Questo borgo, Grazzano Visconti, e il personaggio, Aloisa è entrato in una mia storia che ho ripubblicato di recente.
    Onestamente l’ìimmagine di ieri mi era familiare ma non l’associavo a questo borgo.

        1. Ho letto e la sto commentando..
          Onestamente è il solito rèportage di chi viene da fuori e si limita alla superficie.
          Sai quanti ne ho letti così??
          Ad ogni buon conto ti ringrazio per la segnalazione.
          🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...