La strage di Pentidattilo

Colonia calcidese nel 640 a.C., il borgo fantasma ai piedi dell’Aspromonte che sorge arroccato sulla rupe del Monte Calvario, prende il nome dalla forma che richiama quella di una ciclopica mano con cinque dita, e da cui deriva il nome: penta + daktylos = cinque dita.

Fu centro economico anche se non si crede, ma è celebre per il fattaccio che vi si consumò la notte del 16 Aprile 1686.

In quella notte nei fastosi saloni del suo Castello si consumò una tragedia, affidando tristemente alla leggenda quei luoghi un tempo testimoni e protagonisti di magnificenza e splendore.

La passione di due innamorati ne fu responsabile, c’est sans dire ?

Lui, il nobile Bernardino Abenavoli di Montebello era, ahimè, furiosamente innamorato di lei, ovvero della Marchesina Antonietta Alberti, sorella di Lorenzo, signore di Pentidattilo.

Ma l’amore non poteva durare: la bella amata infatti era stata destinata al figlio del Viceré di Spagna. Questo scatenò una folle reazione nello spasimante. Accecato dalla passione, organizza una squadra di Bravacci, comprando la complicità del servitore del Palazzo, Giuseppe Scrufari.

2-alberti

Nella notte del 16 Aprile 1686 la masnada irrompe e fa strage. Il signore di Pentidattili ne fa per primo le spese: Don Lorenzo pugnalato nel letto, il fratellino di 9 anni sbattuto contro le rocce. Altre 16 persone vennero uccise brutalmente. Il passionale Bernardino rapisce Antonietta e, qualche giorno dopo la sposa.

La reazione non si fede attendere. Una squadra armata inviata da Reggio raggiunge il paese e i arresta e decapitati i componenti della sanguinosa spedizione.

Il matrimonio venne reso nullo. Le teste degli assassini resteranno a lungo esposte sui merli del castello.

Bernardino non tornerà mai più e morirà in combattimento.

Annunci

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. gelsobianco ha detto:

    Che bella anche la canzone del video!
    Ah, l’amore…

    Grazie, Marzia, per i tuoi post sempre colmi.
    gb

    1. marzia ha detto:

      Ti ho appena indirizzata una mail..
      Notte serena e grazie per il gentile apprezzamento GB

      1. gelsobianco ha detto:

        Grazie, cara.
        Appena posso, ti rispondo.
        Ora vado a leggere la tua mail.
        🙂
        gb

  2. marzia ha detto:

    Letto e risposto…

  3. newwhitebear ha detto:

    una bella e tragica storia di un paese, che adesso è solo sulla carta.
    Complimenti per avere scovata questa storia di sangue e di vendette.

    1. marzia ha detto:

      Chissà quante ce ne sono così di storie..
      Condividere mi viene immediato,
      sai..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...