Santa Giulia, forziere di bellezza

Brescia

Le immagini del complesso benedettino di Santa Giulia stordiscono per bellezza e varietà.
Stiamo parlando di 14.000 metri quadrati di superficie con 11.000 oggetti esposti. Una curiosità: pesa 7500 kg il reperto più grosso.
Son 4160 reperti di scavi archeologici oltre ai 4000 pezzi donati da collezionisti bresciani.

Con i sigilli, i cammei, i fascinosi mosaici romani, i reperti funerari, le maioliche e gli avori, gli smalti, gli affreschi, i busti e le sue colonne, il Museo civico di Santa Giulia a Brescia accoglie e incanta con il fascino delle sue strutture architettoniche e le testimonianze dei secoli che hanno attraversato il territorio e l’Italia romana e medioevale, costruendone l’ossatura a tutti gli effetti.
Anno di nascita 753 d.C.
Monastero femminile di regola benedettina, il complesso venne fatto erigere dall’ ultimo re longobardo Desiderio e dalla moglie Ansa.
San Salvatore – Santa Giulia ricoprì un ruolo di primo piano sia da un punto di vista religioso che politico ed economico anche dopo la sconfitta inferta ai Longobardi da Carlo Magno.
La tradizione, ripresa dal Manzoni nell’Adelchi, vuole che in Santa Giulia si consumasse la drammatica vicenda di Ermengarda, figlia del re Desiderio e sposa ripudiata dell’imperatore franco.
“Essendo in quel tempo caduta in man de’ barbari la città di Cartagine, allor la Beata Giulia ne fu condotta via prigione, e sorte volle che venisse in servizio d’un certo Eusebio. Ma la venerabil Martire osservava i precetti degli Apostoli. Serviva al suo padron terreno e compiva il suo dovere d’umil serva, non come colei che ubbidisse al cenno d’occhi umani, ma come se tutti gli ordini fosser comandi dell’Eccelso Dio”.
Morì crocefissa Giulia…


Esemplare, la vicenda umana di Santa Giulia. Ce la riporta con dovizia di particolari un codice manoscritto serbato nell’archimonasterio di S. Remigio di Reims, capolavoro indiscusso del romanico francese dove venne scritta la grande storia dei manuali.

Annunci

13 pensieri riguardo “Santa Giulia, forziere di bellezza

    1. Ero troppo presa dalla Bellezza. Ho scritto il mio commento sopra nel silenzio della notte e… mi sentivo “presa” da tanta bellezza da non avere parole.
      E anche ora… emozione in me.
      Grazie ancora, Marzia.
      :*
      gb

        1. Oh, Marzia cara, i fiori, una farfalla e tante lucine che mi sembrano lucciole… tutto per me.

          Grazie, mia cara.
          gb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...