Avviso ai naviganti

Molti in Wp ( anche chi si vanta di essere scrittore e/o poeta e famosa/o) cercano disperatamente follower: io NO.

Ergo, ignorerò chi viene come “new entry” e mi lascia un banale e noioso “mi piace”, scelta che detesto. 

Quanto lascio è di qualità e mi aspetto commenti di qualità.

Lo scrissi in un post. Chi mi legge da tempo lo sa.

Annunci

61 pensieri su “Avviso ai naviganti

  1. Mi sembra giusto: molti blogger iniziano a seguirne altri solo per essere seguiti a propria volta, ma poi non partecipano mai ad alcuna discussione.

        1. Io son passata all’ignorare direttamente.
          Son stufa Vittorio.
          Mio marito è convinto che io frequenti tutta gente malata…

          😦

        2. Di gente malata ce n’è anche troppa, sia nel reale che nel virtuale; essere misantropi, è solo un modo per evitare di perdere tempo con perfetti idioti.

        1. Paoletta, il comico è che mi rispondete voi che siete fuori dal mio discorso.
          “New entry” è riferito a chi s’è affacciato stamattina da me.

        2. Eh ma io mi preoccupo lo stesso magari se sbaglio in qualcosa…

        3. Ma sono seria….a volte ti accendo stelle e non commento perché ho imparato cose nuove ma che non sono in grado di commentare e mi spiace sembra il passaggio fantasma che detesto piuttosto non mi si legga

        4. Perfetto x me che adoro i fantasmi e gli scheletri mia passione!!@!

  2. Bisogna anche mettere in cantiere il fatto che un post possa essere sì interessante, ma non suscitare alcuna risposta. Se non hai nulla da dire, meglio non dire nulla! 🙂 Personalmente metto un like su post che possono interessarmi, magari lo metto come presa visione o lasciare intendere “vai avanti così”, oppure posso likare un post che contiene opinioni divergenti dal mio pensiero, ma lo liko per il coraggio di averlo espresso. 😉 Buona giornata.

    1. Sì Filippo, meglio tacere: mica c’è un obbligo!
      Stamattina ho trovato un bloggher che fa il misterioso e si pregia d’essere poeta poi spalma “mi piace” in giro solo per avere follower.
      E’ naturale che io sia delusa, soprattutto quando io evito i “mi piace”..

        1. Ognuno si regola come crede, Filippo.
          Ho oltre 800 “follower”, ma mica li seguo.
          Chi mi interessa, ci mancherebbe.
          C’è tanta gente che clicca “follower” e poi svanisce nel nulla.
          Ma non capitano pure a te le categorie degli avvocati, degli psichiatri, commercialisti?

        2. Vedi che c’è qualcosa che ancora non hai visto? 😛 hahahaha
          Commentano soltanto con il link alle loro pagine, sperando che tu o altri ci clicchino e aumentino le visualizzazioni. 🙂 Subito cestinati!
          Fortunatamente, l’anti-spam di wp rimuove un migliaio di commenti al mese in automatico.

  3. mi permetto di non essere del tutto d’accordo, il “mi piace” e’ un segno di presenza, ci sono, ho letto ma non ho il tempo anche di commentare o sono assolutamente in linea con quanto postato. E’ un gesto grazioso per quel che mi riguarda. I commenti importanti richiedono riflessione e quindi un po’ piu’ di tempo, altrimenti si tirano fuori banalita’ e luoghi comuni. Per molti, come me, il tempo e’ limitato. Tra lavoro fuori e dentro casa, figli , nipoti e cosi’ via… ma non riesco a rinunziare al mio blog a costo di sembrare talvolta disinteressata anche se non e’ cosi’. Allora scarico tanti “mi piace” e quando posso commento.

    1. Giuliana, tu sarai l’eccezione.
      Libera di vederla come credi.
      Non so tu, ma io ho una esperienza della blogsfera da prima del 2006, anno nel quale approdai qua dentro.

      Capisco che il tempo è poco, ma vedo in giro troppe dinamiche narcisistiche ed edonistiche.
      D’altro canto io scrivo post brevi per facilitare la riflessione.
      Son la prima a dissentire da apporti lunghissimi.
      Non si può scrivere on line ( ma nemmeno off line) seguendo questa modalità.

      1. nel virtuale si trova di tutto, lo sappiamo bene, bisogna certamente fare una bella revisione. A me dispiace molto non riuscire a leggere tutti i post di alcuni blog che mi piacciono molto per mancanza di tempo, tanto che di tutti i 500 e passa follower ne riesco a seguire pochissimi, ma questo credo che valga per tutti, neanche se stessimo 24 ore su 24 potremmo seguire tutti quanti!

        1. beddra matri! matri santissima! meno male, gia’ mi stavo dando colpi di frusta sulla schiena! grazie, grazie grazie 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 la verita’ e’ che mi sento in colpa perche’ non riesco a seguire tutti e mi piacerebbe molto, ma ho veramente poco tempo e mi piace scrivere, quindi spesso mi sento dicotomizzata 😄

  4. capisco che a qualcuno può apparire deludente un mancato commento,ma non sempre un semplice like è sinonimo di passaggio superficiale.Soprattutto a commento di certe poesie spesso non si ha al momento della lettura lo spirito adatto per condividerne il pathos, a volte sono davvero troppo “intime” per cui si preferisce tacere piuttosto che rischiare di lasciare un commento che può essere addirittura frainteso.Ci sono volte in cui cancello un commento appena scritto e che decido in ultimo di non inviare…ma il like,come dice Giuliana segna un passaggio avvenuto,come dire “mi è piaciuta la tua riflessione anche se non ho nulla da aggiungere…”

    1. Daniela, il tuo commento come altri mi è stato cestinato..
      Ti leggo solo ora…
      Ripeto, son in un periodo di stress e mi secca che mi si chiedano i commenti a post altrui.
      A te non è mai capitato???

      1. certo che si, ma credo che la “colpa”,se così la vogliamo chiamare stia nel fatto che dopo un primissimo periodo di eccessivo entusiasmo per il blog che di per sè è una gran cosa,subentri poi il periodo in cui ci si sente un po’ troppo in dovere di postare,leggere commentare…ossia si crea una sorta di ingranaggio mentale da cui ogni tanto è bene riposare…non deve diventare mai un’obbligo ma un piacere ed ognuno si plasma questo piacere a propria necessità… Il tempo,il dannato tempo che manca a molti per poter rispondere è giustificabile,del resto siamo qui per divertimento (almeno credo la maggior parte di noi) ,il lavoro è altrove coi suoi ferrei obblighi…Un bacione cara,e porta pazienza se finisco in spam!

  5. Visto che parli di gente che si reputa scrittore o poeta sicuramente parli di me!!!!
    Ahahahahahah…..era una battuta chiaramente, personalmente vorrei commentare di più, ma lo faccio solo quando mi sento, altrimenti lascio il mi piace perché comunque ho letto 😉

  6. Attraverso la mia esperienza nei social ho capito che il “like” ha una valenza diversa per ognuno. Io, ad esempio, lo metto se sono d’accordo, se mi fa sorridere o se contiene spunti interessanti; altri lo mettono a qualunque cosa, altri li misurano con il contagocce.
    Comunque non credo dovresti vederci tanta malizia, ovviamente ci sono gli “accalappia-like”, ma sono una categoria così infima che non valeva neanche la pena dedicare un post, io ignoro semplicemente

  7. Io bloggavo quando il “mi piace” non esisteva ancora. O si commentava o nisba. Era prima di facebook ed era meglio. Anch’io non sempre commento. Se non mi viene niente da dire, non dico niente. Ciò non toglie che quanto leggo o vedo possa piacermi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...