Moderni amanuensi

cassio_1783008_669582Abituati a digitare su fredde tastiere, più o meno compulsivamente, mail e documenti, poesie e racconti, dimentichiamo che le basi della nostra civiltà son passate dalle mani degli amanuensi, ossia di quegli uomini che nel film celeberrimo “In nome della rosa” appaiono chini su scrittoi di legno e impugnano penne d’oca.

L’apice di questo mondo, forse, è raccontato dal personaggio romano di Flavio Magno Aurelio Cassiodoro, vissuto sotto il regno romano-barbarico degli Ostrogoti e successivamente sotto l’Impero Romano d’Oriente.

Fu lui a fondare nella natìa Squillace, in Calabria, il monastero di Vivario dedicato allo studio e alla scrittura.

Qui istituì uno scriptorium per la raccolta e la riproduzione di manoscritti, che fu il modello a cui successivamente si ispirarono i monasteri medievali.

Recanati, famosa per il Genio di Leopardi, ospita una istituzione che è quasi unica nel suo genere.

In questo link la RAI ce ne documenta a sufficienza.

 

Annunci

6 thoughts on “Moderni amanuensi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...