La presenza nell’assenza

007

Il castello di Sant’Agata Feltria era il mio prossimo obiettivo, ma come faccio a non evidenziare queste belle foto del carissimo e ritrovato Donato?

Occhi che vedono

Questo progetto consiste in un’analisi del territorio a cavallo di Puglia e Basilicata e rappresenta l’inizio di un’esplorazione fotografica più ampia. Articolato in dieci fotografie a colori scattate tra Minervino Murge, Spinazzola e Palazzo San Gervasio in un periodo compreso tra i mesi di marzo e luglio 2017, rappresenta il lavoro svolto durante i quattro mesi di corso presso la scuola “Camera Chiara” di Bari.

Il paesaggio che si estende dall’Alta Murgia all’Alto Bràdano ha subito numerosi cambiamenti nel corso dei secoli, con tracce ben visibili anche dopo l’abbandono di queste zone da parte dell’uomo.

Si parte dall’osservazione del materiale preminente di questo territorio: la pietra. L’uomo si è servito di essa per scavare e ricavare un riparo, fino a estrarne a sufficienza per edificare le sue abitazioni.

Caverne, masserie, case coloniche: differenti tipi di abitazioni per altrettante epoche diverse. Ci si guarda intorno avvolti dal silenzio, sembra che non…

View original post 25 altre parole

5 pensieri riguardo “La presenza nell’assenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...