In stand by

DSCN1323[1]

Lascio qui una giornata soleggiata, chissà per strada che tempo troverò.
Ci rileggiamo ai primi di ottobre!
Buona fine di settembre a tutti/e

Annunci

24 ore a Saragozza

Prima di andarmene ancora un paio di post altrui..

Culture For

Continua il lungo viaggio in direzione del Paesi Baschi. Partiti la mattina (molto) presto da Figueres, dove abbiamo visitato il Teatro-Museo di Dalí, ci siamo diretti verso un’altra tappa intermedia: Saragozza.
Situata in Aragona a circa metà strada tra Madrid e Barcellona, Saragozza con i suoi oltre 700.000 abitanti è la quinta città della Spagna per popolazione. Quello che più mi preoccupava prima del nostro arrivo, era…il caldo (ebbene sì, io odio profondamente il caldo, il mio sogno segreto è vivere andare a vivere in Svezia).

Le estati a Saragozza infatti sono estremamente secche e con temperature percepite che frequentemente vanno ben oltre i 40 gradi…mortali. Fortunatamente, al nostro arrivo di gradi ce n’erano 20, e cadeva pure qualche goccia di pioggia. Come ci ha raccontato una gentile signora che ci ha aiutati a trovare parcheggio, solo due giorni prima la temperatura era letteralmente il doppio!

dav

Dopo…

View original post 590 altre parole

La fiera Ricomincio dai Libri

ricomincio dai libriUna iniziativa della quale non sapevo nulla: la evidenzio da me.

AppuntArti

Dal 29 settembre al 1o ottobre si svolgerà la quarta edizione della fiera del libro Ricomincio dai Libri che, dopo tre edizioni a San Giorgio a Cremano, si sposta nel centro storico di Napoli.

ricomincio dai libri

Questa’edizione della fiera, organizzata dalle associazioni Librincircolo, La bottega delle parole, Parole Alate e Coop Soc. SEPOFÀ, avrà luogo presso il Complesso dell’Ex Ospedale della Pace in Via dei Tribunali 227, a poca distanza da Castel Capuano.

Ricomincio dai libri quest’anno vedrà la partecipazione di 30 editori, 27 autori e 13 associazioni culturali (elenco completo a questo link http://www.ricominciodailibri.it/protagonisti-2017/).

Il pubblico, oltre ad avere la possibilità di acquistare libri, assistere alle presentazioni e partecipare alle attività proposte dalle associazioni, potrà anche scoprire il patrimonio storico-artistico dell’Ex Ospedale della Pace, un luogo ricco di fascino che, pur trovandosi in pieno centro storico, non è ancora molto conosciuto.

Il complesso dell’Ex Ospedale della Pace comprende…

View original post 319 altre parole

Due passi in Abbazia

Abbazia-di-Follina-Giardino-interno--768x768

Il complesso monastico dell’Abbazia Cistercense di Santa Maria a Follina (Tv) esisteva ben prima dell’arrivo dei cistercensi, nella metà del XII secolo.

Inizialmente gestita dai benedettini, là vi approdarono nel 1146 i seguaci dell’ Ordine cistercense, ordine monastico di diritto pontificio che vede le sue origini nell’abbazia di Cîteaux (in latino Cistercium), in Borgogna.

Tuttavia l’abbazia madre francese di Citeaux aveva ‘filiato’ quattro abbazie figlie principali; tra esse Clairvaux (Chiaravalle in italiano) dalla quale deriva l’abbazia di Santa Maria di Follina, cittadina situata ai piedi delle Prealpi Bellunesi, quasi al centro della catena, fra dolci colline di origine morenica.

Storia a parte, la Nostra presenta dei dettagli degni di nota.

Nell’Abbazia è presente una colonna annodata, all’angolo sud-ovest del chiostro. Fatto un censimento, risulta essere il terzo luogo di culto cistercense (senza contare la piccola colonna trovata ad Arabona) che esibisce una colonna ofitica nel chiostro.

Follina-Abbazia-Santa-Maria-Foto-210

Altro dettaglio sul quale desidero fermare l’attenzione è il fenomeno astronomico che si verificherebbe il giorno del Solstizio estivo, in coincidenza con la festa di San Giovanni Battista. L’asse del lato nord-est parrebbe allineato con il sole nascente, che spunta da dietro la montagna che sta immediatamente dietro il lato settentrionale della chiesa, cosa che non sembra dovuta ‘al caso’ ma all’osservazione diretta del fenomeno e al progetto di orientarla in tal modo (le conoscenze i monaci le possedevano in molti campi).

V come Veneto

33744848733_8fd533c875_k-850x478

Domani parto per il Veneto: si battezza il mio secondo nipotino che, per inciso, non ho ancora abbracciato. Starò via diversi giorni.
Mi preparo mentalmente ( connessione permettendo), accennandovi quanto prima all’Abbazia di Follina (TV).
A presto!

PORTOGALLO IN DUE PAROLE : SUGHERO E SALE.

_MG_0149

Liliana, mia conterranea mi documenta spessissimo sul Portogallo, ma desidero oggi evidenziare questo post perchè amo il sughero e per le foto che vedo.

G-Jaunter

Il Portogallo è una meta turistica parecchio sottovalutata, ma che offre numerose bellezze architettoniche e naturali, molte delle quali Patrimonio dell’Umanità.
Inoltre, in alcune zone dell’entroterra, è possibile ancora respirare l’atmosfera dei vecchi borghi portoghesi.

L’enogastronomia portoghese è caratterizzata principalmente da dolci, vini e liquori, come le “pastéis de Belém” a Lisbona ( tartellette di pasta sfoglia ripiene di crema), laGinjinha di Obidos (liquore all’amarena servito in bicchierini di cioccolato) e il famosissimo Porto, conosciuto in tutto il mondo.

Il seguente itinerario di due settimane inizia con tre giorni nella magnifica capitale portoghese: Lisbona.
Lisbona è una città molto attiva, colorata e sopratutto piena di quartieri, uno diverso dall’altro: Baixa e Chiado, dove si concentrano le vie dello shopping verso il fiume Tago; l’Alfama e il Barrio Alto, i quartieri più storici della città, dove si trova il monumentale castello di Sao Jorge; Belém, una cittadina a…

View original post 607 altre parole

Una dritta nuova

Immagine

Il 24 p.v. per la prima volta un evento a Salerno così particolare.
In collaborazione con il Lanificio Salerno arriva il “brunch” al Museo Archeologico Provinciale di Salerno.
Dalle ore 12 alle ore 15 due turni di brunch con buffet dolce e salato, ascoltare musica e vivere le Giornate Europee del Patrimonio 2017 .
Live esclusivo dell’artista belga Guillaume Gillain al museo accompagnato da Cyranò Vatel, Mizar Mohican Di Muro e Vincenzo Bernardo.
Visite guidate alla mostra “Lost” di Daniele Accossato Artista
Prenotazioni allo 089231135 o o via sms/whatsapp al 3277559783

“Parigi Baudelaire” trailer

arton146500-4bbf0.jpg

Sto avendo problemi di connessione.
Penso che rimanere in tema di arte e letteratura sia piacevole soprattutto quando piove.

Il Canto delle Muse

Il 18 settembre al Centro Culturale Francese in Corso Magenta 63 a Milano sarà presentato il cortometraggio-documentario “Parigi Baudelaire” che l’attore  Massimiliano Finazzer Flory ha dedicato al grande poeta francese, con la regia di Luca Bergamaschi  in occasione del centocinquantenario dalla morte, avvenuta il 31 agosto 1867 . Una rivisitazione con visione personale dei luoghi in cui Baudelaire ha vissuto e composto i suoi versi, e dai diversi set l’attore recita alcuni versi da “I fiori del male”; incluso il tristemente noto Bataclan da dove i versi recitati, che paiono scritti di fresco, sono un tributo alle 93 persone uccise nel 2015 , “Che cos’è la libertà? Dove sono i nostri amici morti?”

View original post

C’ERA UNA VOLTA LA BELLA ELENA

a00_porto_genova_2.jpg

Non ho ancora visitata Genova, ma che la bella città ligure sia legata ad Elena di Troia mi piace.

Genova Città Segreta

ninfeo

In via Garibaldi, già via Nuova, il primo palazzo sulla sinistra andando verso Piazza della Meridiana è sede del Banco di Chiavari, originariamente il palazzo apparteneva al marchese Benedetto Spinola che sulla terrazza fece costruire questo ninfeo monumentale formato da concrezioni e conchiglie poste come tessere d’ un mosaico che mostrano una città in fiamme, nel mezzo era posto un gruppo scultoreo realizzato da Pierre Puget (  Marsiglia 1620 – 1694) il grande scultore barocco francese,  gruppo che rappresentava il rapimento di Elena di Troia acquistato dal Comune di Genova nel 1964 ed oggi conservato nel museo della statuaria e dell’ arte medioevale di Sant’ Agostino in piazza Sarzano. l’ opera scolpita dopo il 1683, fu forse realizzata in collaborazione, ma ciò non toglie nulla alla splendida e complessa composizione, se mai qualche perplessità lo può dare lo sfondo che rappresenta una città in fiamme, ora noi sappiamo che Elena…

View original post 60 altre parole

Un Vincent da amare

21740757_1701085309910674_3629529091777568351_o

I capolavori di Vincent van Gogh prendono vita al cinema con LOVING VINCENT.

Esclusivamente il 16, 17 e 18 ottobre arriva nelle sale italiane il primo lungometraggio interamente dipinto su tela che racconta le opere e la vita di Vincent van Gogh. Un originale incontro tra arte e cinema vincitore del Premio del Pubblico al Festival d’Annecy.

Tutti i dettagli qui.